Spazi da abitare: il nuovo presidio Nati per Leggere nei Servizi Prima Infanzia di Lecco

Spazi da abitare: il nuovo presidio Nati per Leggere nei Servizi Prima Infanzia di Lecco

Leggere ad alta voce ai bambini fin dalla più tenera età non è solo un piacere, ma un’attività che porta con sé innumerevoli benefici, consolidando il legame affettivo tra adulto e bambino. Un bambino che viene esposto quotidianamente alla lettura arricchirà il suo vocabolario e svilupperà un’immaginazione vivace, una migliore capacità espressiva e una naturale curiosità nel conoscere il mondo che lo circonda.

Il programma nazionale Nati per Leggere, rivolto alle famiglie con bambini in età prescolare, promosso dall’Associazione Culturale Pediatri, dall’Associazione Italiana Biblioteche e dal CSB Centro per la Salute del Bambino Onlus, nasce proprio per incentivare la lettura in famiglia, influenzando positivamente lo sviluppo intellettivo, linguistico, emotivo e relazionale dei bambini e delle bambine.

Da gennaio, i Servizi prima Infanzia del Comune di Lecco – Asilo Nido Arcobaleno, Asilo Nido Arca di Noè, Centro per le Famiglie e il Centro Prima Infanzia Floridò – sono diventati Presidio territoriale di questo programma. Abbiamo incontrato Giusy Manciucca, coordinatrice dell’Asilo Nido “Arcobaleno”, Morena Zubani, referente Asilo Nido “L’Arca di Noè” e Susanna Sacchi educatrice dell’Asilo Nido “Arcobaleno” per farci raccontare di più su questa nuova opportunità.

“Il presidio Nati per Leggere è uno spazio educativo, d’incontro e condivisione, in cui la relazione tra i bambini, le bambine e gli adulti viene facilitata e rafforzata dalle buone pratiche condivise della lettura. All’interno dei Presidi, i libri sono intesi come “ponte” per una comunicazione più profonda” ci racconta Giusy. “I Presidi rappresentano occasioni di incontro per le famiglie: sono un luogo in cui, oltre al sostegno allo sviluppo cognitivo, sociale ed emotivo del bambino, si dà molta importanza alle competenze genitoriali.”

Abbiamo chiesto il perché della scelta di diventare Presidio. “Da sempre lavoriamo sull’approccio alla lettura e utilizziamo i libri come strumento per coinvolgere famiglie, per condurre incontri e affrontare tematiche importanti, accompagnare i bambini e le bambine nei loro passaggi di crescita, nei cambiamenti, per rispecchiare le loro emozioni e aiutarli ad elaborarle”, ci spiega Giusy. “Crediamo fortemente nella ricchezza delle connessioni tra i diversi servizi, educativi, culturali e sanitari, per accompagnare la crescita dei bambini e delle bambine all’interno di una comunità educante in cui la famiglia è protagonista e parte attiva. Negli anni abbiamo infatti creato una forte sinergia tra la Biblioteca di Lecco e i Servizi Prima Infanzia: con la ‘Valigia di Gastone’ – il personaggio che ci accompagna quest’anno che ha un valore affettivo e significativo per i bambini – che fa le veci di un postino, facciamo scegliere i libri ai piccoli e li portiamo qui nella nostra biblioteca per leggerli e rendere l’esperienza coinvolgente e stimolante. Abbiamo deciso di candidarci a Presidio per rafforzare e valorizzare ciò in cui già credevamo: è stato un passo spontaneo e desiderato, considerando che già organizzavamo molti eventi dedicati alla lettura.”

Ci siamo fatti descrivere da Susanna e Morena, che hanno frequentato il corso di formazione dedicato alle operatrici, le caratteristiche di questo approccio: “Nati per Leggere utilizza la lettura dialogica e condivisa, ovvero una modalità di lettura in cui un adulto legge a un bambino piccolo, interagendo con lui attraverso un dialogo interattivo”, ci spiega Morena. “L’adulto incoraggia il bambino a partecipare alla lettura, facendo domande, ampliando le risposte e collegando la storia del libro all’esperienza del bambino. La lettura dialogica aiuta a comprendere le proprie emozioni e quelle degli altri, attraverso l’interazione comunicativa con contenuti emotivi.”

Susanna aggiunge che “all’interno dei Nidi, l’atrio d’ingresso e lo spazio della biblioteca sono pensati e allestiti con cura e attenzione per promuovere e rafforzare questo approccio: le famiglie possono consultare la bibliografia e prendere in prestito i libri. Nel corso dell’anno, inoltre, la proposta di eventi, incontri, feste e occasioni di aggregazione, fanno da cornice a momenti dedicati alla lettura durante i quali la condivisione del “libro” diventa un tempo per intensificare la relazione e per entrare in sintonia con i bisogni del bambino/a. È inoltre un modo diverso per sostare e vivere il Servizio.”

 

È possibile consultare la guida online di libri consigliati da Programma Nati per Leggere: https://guidanpl.aib.it/